venerdì 28 aprile 2017



Mirna Manni 


opere




































































































































Mirna Manni 


biografia



Artist/Sculptor nella sua individuale ricerca artistica, elegge l’argilla la materia più a lei affine e approfondisce tecniche e procedure della ceramica. Con il suo lavoro tende ad una ricerca di pluralità di forme e sperimentazione della materia per affermare un dialogo tra procedimenti creativi, immaginario, archetipi e contemporaneità. Le sue sculture rivelano percorsi concretati nella materia anche con suggestive installazioni, che assumono connotazioni espressive dalle forti sollecitazioni meditative. Facendo dialogare le sue creazioni intrise di poesia e portando in quell’universo parvenze ed immagini dell’anima, racconta di pensieri intimi e universali, degli uomini e della vita, e come scrive Ilaria Drago “è lì nell’incanto delle sue sculture che Mirna Manni addensa e racchiude tutti i suoi canti”. Luciano Marziano scrive “Credo di poter individuare la sostanza dell’orizzonte operativo di Mirna in una sollecitazione esistenziale, con ogni conseguente problematicità, che da sempre informa la sua ricerca artistica. Una ricerca condotta all’insegna di forti connotazioni concettuali qualificate da una profonda sacralità. In questo suo percorso, caratterizzato da misteri ed enigma, per penetrare nei quali si richiede un impellente e continuo aggancio di concretezza, la ceramica, consente di apparecchiare gli strumenti per accostarsi al mistero dell’esistenza”. La sua attività artistica personale e collettiva è a tutto campo, anche nella promozione di eventi artistici con l’Associazione Culturale “Magazzini della Lupa” di cui è presidente. Ha partecipato a mostre in spazi pubblici, musei e gallerie d’Arte. Importante la sua partecipazione alla collettiva "La scultura ceramica contemporanea in Italia" a cura di Nino Caruso e Mariastella Margozzi nel 2015 alla GNAM, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.          
Fra le sue esposizioni: 2017  MONTELUPO FIORENTINO - Cappella della Misericordia, Ceramica 2017 Festa della ceramica - VITERBO - Palazzo degli Alessandri mostra d'arte contemporanea collettiva "configurazione#1" -  CASTELGANDOLFO - Galleria Spazio Elle “Fuori Porta” collettiva scultura ceramica contemporanea a cura di Domenico Cornacchione  2016 DERUTA - Spazi museali ex fornace Grazia “Keramikos 2016 omaggio a Luciano Marziano” Rassegna Scultura Ceramica Contemporanea organizzata dall’associazione freemocco nell'ambito festeggiamenti S. Caterina; VITERBO - Palazzo degli Alessandri “Keramikos 2016 omaggio a Luciano Marziano” Rassegna Scultura Ceramica Contemporanea a cura di Massimo Luccioli, Massimo Melloni, Mirna Manni, organizzata Ass. Cult. Magazzini della Lupa; BASSANO IN TEVERINA – “Cavum et Via” Rassegna Arte Contemporanea - Ass. Stelle Cadenti e Ass. Cult.Magazzini della Lupa; SUTRI - evento culturale “L'Arco e la lira”- luglio 2016. 2015 ROMA - GALLERIA NAZIONALE D'ARTE MODERNA e CONTEMPORANEA - GNAM collettiva "La scultura ceramica contemporanea in Italia" a cura di Nino Caruso e Mariastella Margozzi | 11 marzo - 7 giugno;  TORGIANO - Museo Arte Ceramica Contemporanea - collettiva "Incontrinterra" a cura dell’associazione freemocco. 2014 TARQUINIA - Museo Archeologico Nazionale - collettiva "Keramikos 2014" Rassegna d'Arte Ceramica Contemporanea con testi e a cura di Luciano Marziano e Ass. Cult. Magazzini della Lupa; DERUTA - Museo Regionale della Ceramica, ex fornace Grazia, collettiva "Incontrinterra" a cura dell’ass. freemocco; ROMA - Villa Pamphili, Casalino Farsetti - collettiva “Tempomateria”; FABRIANO – Nuova Galleria Delle Arti "Declinazione del silenzio" doppia personale di Mirna Manni e Tonina Cecchetti con testi e presentazione di Luciano Marziano e Giorgio Bonomi; VITERBO - ex Chiesa degli Almadiani - collettiva "Il Papa, La Papessa, gli Arcani" presentazione di Luciano Marziano; TUSCANIA - Galleria Il Cavallino – collettiva arte contemporanea a cura di G. Cesetti. 2013 FABRIANO - Pinacoteca Molajoli - collettiva "Seidonnepersei" a cura di Giuseppe Salerno; TUSCANIA - Ex Chiesa S.Croce - collettiva "Seidonnepersei" a cura di G. Salerno; BRACCIANO - Palazzo del Governatore - collettiva "In Contemporanea"; FINLANDIA - TURKU, Galleria Berner collettiva “Hortus conclusus”; TOLFA - Ex Convento dei Cappuccini collettiva “From pottery to plastic”;  CALCATA - Galleria “l’arte è …” collettiva "seidonnepersei"; ROMA - Galleria Monty&Company collettiva “seidonnepersei” a cura di G. Salerno; TUSCANIA - Magazzini della Lupa - collettiva “prevalentemente in bianco e nero” presentazione di Luciano Marziano; ACRI - Palazzo San Severino Sala delle Colonne - collettiva “seidonnepersei” a cura di Giuseppe Salerno; VITERBO - Galleria ItinerarArt Cultura San Pellegrino - collettiva “Concavo Convesso” a cura di Fiorenzo Mascagna; TUSCANIA - Magazzini della Lupa - collettiva “Al femminile” presentazione di Luciano Marziano. 2012 MATERA - Ex Ospedale di San Rocco - collettiva “Sopraffactions Matera” a cura di Giuseppe Salerno; PADOVA - ex Macello “Le Arti della Ceramica” ceramica contemporanea di ricerca, collettiva “Mater, in fuoco” rassegna ceramica d'autore a cura di Mara Ruzza; TUSCANIA - Magazzini della Lupa collettiva “Keramikos 2012 Bracciano,Tuscania, Tarquinia” con testi e presentazione di Luciano Marziano, organizzazione Ass. Cult. Magazzini della Lupa, Artidec, Galleria Entroterra; VITERBO - Sala Gatti Jezzup collettiva “per Filo e per Segno. Arianna e le altre….” a cura della Galleria Artidec; ROMA - Ass. Keramos collettiva “Le Coordinate della Ceramica 41°52'49" N/12°28'25" E”; VITERBO - Palazzo Papale collettiva “Sopraffactions Viterbo” a cura di Giuseppe Salerno; BRACCIANO - Galleria Artidec personale “Anemos” testi di Luciano Marziano e testi di Vincenza Fava; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’artista 2012”. 2011 BASSANO IN TEVERINA - Ass. Stelle Cadenti collettiva “Il ritorno della luce”; GUBBIO - Biblioteca Sperelliana collettiva “Arte di carta”; TUSCANIA - Magazzini della Lupa personale “Anemos” presentazione e testi Luciano Marziano, testi di Vincenza Fava; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’artista 2011”. 2010 TUSCANIA - Magazzini della Lupa collettiva arte contemporanea “Segni, voci, suoni, immagini, storie, alterità” a cura di Ass. Cult. Magazzini della Lupa e Dark Camera; BRACCIANO - galleria Artidec, Chiostro degli Agostiniani - collettiva “Keramikos 2010” a cura della Galleria Artidec; VITERBO - quartiere San Pellegrino, evento culturale “Caffeina 2010” collettiva d’arte contemporanea; VITERBO - ex Chiesa San Salvatore collettiva d’arte contemporanea “Biennale d’Arte Creativa” a cura di Laura Lucibello; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2010”. 2009 BRACCIANO - Galleria Artidec collettiva “Bilong Longwe Arte Oceanica - Arte Contemporanea”; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2009”. 2008 BRACCIANO - Chiostro degli Agostiniani - ProArt collettiva “Bracciano in Arte”; SORIANO NEL CIMINO - Castello degli Orsini - Ass. Stelle Cadenti - collettiva “Stelle cadenti 2008”; ROMA - Chiesa di San Tommaso in Formis - Ospedale dei Trinitari - Rione Celio - Arte contemporanea nei luoghi storici della solidarietà - collettiva “Humanitas et Concordia”; Calcata - Il Granarone “Uovo d’Artista 2008” a cura di Anna Giannandrea; ROMA - Auditorium - collettiva “Nidi d’Artista”. 2007 CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2007”; TUSCANIA - Palazzo M. Maccabei personale “Nature”. 2006 CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2006”. 2005 TUSCANIA - Magazzini della Lupa a cura di Dark Camera - personale Mostra Performance “RareApparizioni.Tracce”. 2004 VARESE - Chiostro di Voltorre - Museo d’Arte Moderna - collettiva ceramica “Arte raku” a cura di Roberto Scazzariello. 2003 RONCO BIELLESE - “Mostra Incontro Arte Raku” Collettiva a cura di Roberto Scazzariello. 2002 ORVIETO - Chiostro di S.Giovanni, collettiva Arte Contemporanea

martedì 11 aprile 2017



Fuori Porta


A cura di Domenico Cornacchione


Artisti

Laura Giovanna Bevione - Domenico Cornacchione - Simona De Caro
Mirna Manni  -  Toni Rotunno  -  Mara Van Wees



Spazio Elle di Castel Gandolfo


Dal 21 aprile al 19 maggio 2017
Vernissage 21 aprile ore 18.00







Fuori Porta è una mostra dedicata alla lentezza, un'esposizione che vuole riscoprire il "ritmo lento" delle cose, una lentezza scelta come stile di vita, contro la velocità industriale e meccanica dei nostri giorni e delle nostre città. Per parlare di questo Tema la Galleria D'Arte Contemporanea SpazioELLE ha scelto di realizzare una mostra di scultura in ceramica. La terracotta ha i suoi tempi, ha bisogno di essere lavorata con lentezza, con la dovuta attenzione, ha le sue fasi di lavorazione che non possono essere accelerate. Il suo legame con la lentezza è indissolubile, così come lo è il suo legame con la tradizione. Lavorare la terra, manipolarla e poi mandarla in cottura aspettando in silenzio il risultato finale, ha qualcosa di rituale, di sacro, una sacralità che non ha necessariamente a che fare con la religione, ma piuttosto con il nostro io, con lo sguardo interiore, ha qualcosa che richiama alla mente ricordi e sensazioni del nostro passato. 
Le "scatole" in ceramica realizzate da Mirna Manni per la mostra sono proprio questo: dei contenitori mnemonici poetici. Questi piccoli teatrini della memoria rivelano racconti antichi e vecchi ricordi, emozioni, mondi interiori e richiami dell'inconscio. 
Mara van Wees realizza un vero e proprio omaggio alla realtà quotidiana della vita "fuori porta": godersi gli spazi di campagna, i suoi ritmi lenti, gli odori, i colori e la luce della natura.
Toni Rotunno, invece, continua la sua serie "Dei boschi", opere che ci raccontano d'immagini, forme e colori legati alla sua terra d'origine: la Basilicata.
Le sculture di Simona De Caro nascono da una serie di "disegni automatici" realizzati attraverso l'uso diretto del colore e della linea. Le curve sinuose, partendo dalla base, si sviluppano in altezza creando la tridimensionalità attraverso piani concavi e convessi.
Domenico Cornacchione presenta una reinterpretazione delle sue sculture realizzate con pietre e filo di ferro. Questa volta, però, sostituisce le rocce con pezzi di ceramica recuperati da vecchi oggetti ormai inutilizzati e destinati alla discarica.
La mostra termina con un lavoro video realizzato da Laura Giovanna Bevione e Domenico Cornacchione. Lo schermo, diviso in due sezioni, mostra da una parte una mano che impugna una pistola, e dall'altra una serie di vasi in terracotta, accatastati a terra che vanno in frantumi. I proiettili che distruggono i vasi non sono però, in questo video, "un'offesa" alla ceramica, l'intenzione degli artisti non è quella di "uccidere" la terracotta, ma, al contrario, quella di infondere nuova vita a un materiale ormai sempre più spesso relegato a un ruolo marginale nell'arte contemporanea. I frammenti derivati dalla distruzione dei vasi, infatti, sono esposti in mostra come si trattasse di vere e proprie sculture.
Spazio Elle, Via del Mare 130 Pavona di Castel Gandolfo (Roma)
Orario: mercoledì e venerdì 10.30 - 12.30 e 16.30 - 19.30 
Altri giorni su appuntamento chiamando il numero 327.3371588 (verificare sempre via telefono)


Mirna Manni presenta per la mostra Fuori Porta una sua installazione "Teatri di memoria"




particolare installazione



Scatole come teatri poetici della memoria rivelano racconti antichi e ricordi di una volta, 
emozioni, mondi interiori e richiami dell'inconscio








particolare installazione



Scatole vuote, deformate e trafitte da lunghi ferri hanno perso ogni loro funzione.
Quando non c'è memoria del passato e l'azione dell'uomo annulla
con l'involucro del corpo anche il cuore e la coscienza, non c'è futuro









particolare installazione


Una colonna instabile racchiude memorie, è lì che è la nostra identità,
noi siamo quello che ricordiamo, noi siamo la nostra memoria









particolare installazione



Scatole come teatri poetici della memoria rivelano racconti antichi e ricordi di una volta, 
emozioni, mondi interiori e richiami dell'inconscio








particolare installazione



Scatole vuote, deformate e trafitte da lunghi ferri hanno perso ogni loro funzione.
Quando non c'è memoria del passato e l'azione dell'uomo annulla
con l'involucro del corpo anche il cuore e la coscienza, non c'è futuro









particolare installazione






Scatole come teatri poetici della memoria rivelano racconti antichi e ricordi di una volta, 
emozioni, mondi interiori e richiami dell'inconscio






 particolare installazione












particolare installazione



Scatole vuote, deformate e trafitte da lunghi ferri hanno perso ogni loro funzione.
Quando non c'è memoria del passato e l'azione dell'uomo annulla
con l'involucro del corpo anche il cuore e la coscienza, non c'è futuro









particolare installazione


Scatole vuote, deformate e trafitte da lunghi ferri hanno perso ogni loro funzione.
Quando non c'è memoria del passato e l'azione dell'uomo annulla
con l'involucro del corpo anche il cuore e la coscienza, non c'è futuro









particolare installazione


Scatole vuote, deformate e trafitte da lunghi ferri hanno perso ogni loro funzione. 
Quando non c’è memoria del passato e l’azione dell’uomo annulla 
con l’involucro del corpo anche il cuore e la coscienza, non c’è futuro 









particolare installazione



Scatole vuote, deformate e trafitte da lunghi ferri hanno perso ogni loro funzione. 
Quando non c’è memoria del passato e l’azione dell’uomo annulla 
con l’involucro del corpo anche il cuore e la coscienza, non c’è futuro 










particolare installazione

Una colonna instabile racchiude memorie, è lì che è la nostra identità,
noi siamo quello che ricordiamo, noi siamo la nostra memoria








http://spazioelle.altervista.org/porta-mostra-collettiva-scultura-ceramica/







giovedì 6 ottobre 2016



KERAMIKOS 2016

omaggio a Luciano Marziano

30 ottobre - 13 novembre

Rassegna di scultura ceramica contemporanea

Palazzo degli Alessandri  
San Pellegrino

Viterbo


Mirna Manni - part. L'uomo in ogni uomo 




a cura
Massimo Melloni, Mirna Manni, Massimo Luccioli



con il supporto
Associazione Culturale Magazzini della Lupa, Artidec, Società Tarquiniense d’Arte e Storia











Patrocinio 
Provincia Viterbo - Comune di Viterbo.





Mirna Manni - part. L'uomo in ogni uomo





Luciano Marziano nella foto di Paolo Emilio Sfriso





Mirna Manni - part. L'uomo in ogni uomo





Palazzo degli Alessandri - San Pellegrino, Viterbo





Inaugurazione - il maestro Nino Caruso (foto Annalisa Guerri)




Nino Caruso - Forme in dialogo | Massimo Luccioli - Isola2
(foto Sabine Pagliarulo)




Carla Francucci - Phisiomachia (foto di Luigi Tizi)





Attilio Quintili #13 Senza titolo (foto di Luigi Tizi)





Simone Negri - Senza titolo (foto di Luigi Tizi)






Mirna Manni - L'uomo in ogni uomo (foto di Luigi Tizi) 





Mara Van Wees - Crossing (foto di Luigi Tizi)






Tiziana Rivoni - Lorenzo e Lisabetta (foto di Sabine Pagliarulo)





Oriano Zampieri - Senza Titolo (foto di Sabine Pagliarulo)







Antonio Grieco - Omerica (foto di Sabine Pagliarulo) 





Massimo Melloni - Zoppie (foto di Sabine Pagliarulo)





Alfonso Talotta - Orizzontale (foto di Sabine Pagliarulo)






Eraldo Chiucchiù - Ferita | Mirna Manni - L'uomo in ogni uomo 
(foto di Sabine Pagliarulo)





Cristiana Vignatelli Bruni - Core (foto di Annalisa Guerri)





Annalisa Guerri - Thàuma (foto di Annalisa Guerri)





Tonina Cecchetti - Cento11Ricordi (foto di Luigi Tizi)






Mirna Manni - part. L'uomo in ogni uomo (foto di Luigi Tizi)






Giorgio Crisafi - Animali da palcoscenico (foto di Annalisa Guerri)





Elettra Cipriani - Visioni urbane (foto di Luigi Tizi)







Rita Miranda - White Seed (foto di Sabine Pagliarulo)






Sabine Pagliarulo - Coquille (foto di Annalisa Guerri)






Evandro Gabrieli - Tube flowers (foto di Luigi Tizi)