martedì 15 maggio 2018


IMPRONTE VEGETALI

arte ceramica contemporanea

a cura di Mara Ruzza


con Annalia Amedeo, il gruppo BAUM, Fabio Ciancaglini, 
Carla Collesei, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Silvia Granata, 
Giovanni Maffucci, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, 
Marco Maria Polloniato, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Vittore Tasca


Cattedrale ex Macello, via Cornaro 1, Padova

dal 2 giugno al 1 luglio 2018







opere di Mirna Manni 

























Ph Evandro Gabrieli 











Ph Sabine Pagliarulo


Ph Sabine Pagliarulo



Ph Evandro Gabrieli 








Ph Sabine Pagliarulo












Ph Evandro Gabrieli














L'arte ceramica contemporanea ritorna con la forza dirompente della natura, alla Cattedrale ex Macello di Padova, inaugurando venerdì 1 giugno alle ore 18:30, una nuova grande esposizione che si fa giardino urbano dal 2 giugno al 1 luglio.

Promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, l'esposizione, curata da Mara Ruzza, presenta opere di maestri ceramisti contemporanei che, in una fascinosa impollinazione di suggestioni e tecniche, propongono una riflessione originale sul tema del rapporto tra contesto urbano e Natura che si impone e prorompe riappropriandosi di spazi, angoli, ambienti, fessure, a formare un "giardino urbano" anarchico e vitale, sorprendente e inarrestabile. 

Impronte, orme, resilienze, la Natura lascia il segno, dimenticata si ripropone, avvilita rompe le barriere dei muri chiusi, dilaga, ricolonizza la terra antropizzata, vive. L'esposizione trasporta i visitatori nella magica atmosfera di un paesaggio scultoreo ricco di diversità e spunti di riflessione, induce a “vedere un mondo in un granello di sabbia e un paradiso in un fiore selvatico, tenere l'infinito nel cavo della mano e l'eternità in un'ora” (W. Blake). 

Annalia Amedeo, il gruppo BAUM, Fabio Ciancaglini, Carla Collesei, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Silvia Granata, Giovanni Maffucci, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, Marco Maria Polloniato, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Vittore Tasca. 

Quindici artisti provenienti da regioni diverse, riconosciuti maestri della scultura ceramica nazionale ed internazionale, coinvolti con sculture e installazioni “site specific” contribuiscono a far meditare, ciascuno con il proprio stile, con la propria peculiarità espressiva, intorno a questo singolare rapporto tra natura e contemporaneità. 

Nella suggestiva sala espositiva dell'ex Macello, luogo ideale per ospitare una mostra di arte ceramica d'autore di così ampio respiro, si potranno ammirare l'eleganza di effimeri giardini di porcellana, la singolarità di giardini di pietra, di giardini spirituali e di giardini verticali, la forza vitale di bulbi e semi, la incredibile colonizzazione di concrezioni su telaio d'auto dismessa, la classicità delle teste arcaiche di Core e Demetra, l'antica tecnica del kintsugi, la ceramica primitiva.

Ricerche e sperimentazioni ad alto livello tecnico creano un percorso suggestivo con terre sigillate, bucchero, affumicature, estrusioni e intarsi, smalti, impronte a fuoco, esplosioni fiorite, forme organiche vegetali, rizomi a lustro. Terre raffinate e fragili porcellane che dialogano con elementi naturali, ferro, cemento, spago, resina, residui di plastica, allestendo paesaggi, lavori originali, poetici ed evocativi.

Info:
Apertura esposizione: 2 giugno – 1 luglio 2018

Orari: martedì – venerdì ore 17:00-21:00
sabato e domenica ore 10:00-13:00/17:00-22:00

lunedì chiuso

Ingresso libero.

https://www.facebook.com/LeArtiDelFuoco/

Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche
paganinl@comune.padova.it padovacultura.it

venerdì 4 maggio 2018




Mirna Manni 




opere

































(ph Sabine Pagliarulo)



(ph Sabine Pagliarulo)
















































































Mirna Manni 

biografia



Artist/Sculptor nella sua individuale ricerca artistica, elegge l’argilla la materia più a lei affine e approfondisce tecniche e procedure della ceramica. Con il suo lavoro tende ad una ricerca di pluralità di forme e sperimentazione della materia per affermare un dialogo tra procedimenti creativi, immaginario, archetipi e contemporaneità. Le sue sculture rivelano percorsi concretati nella materia anche con suggestive installazioni, che assumono connotazioni espressive dalle forti sollecitazioni meditative. Facendo dialogare le sue creazioni intrise di poesia e portando in quell’universo parvenze ed immagini dell’anima, racconta di pensieri intimi e universali, degli uomini e della vita, e come scrive Ilaria Drago “è lì nell’incanto delle sue sculture che Mirna Manni addensa e racchiude tutti i suoi canti”. Luciano Marziano scrive “Credo di poter individuare la sostanza dell’orizzonte operativo di Mirna in una sollecitazione esistenziale, con ogni conseguente problematicità, che da sempre informa la sua ricerca artistica. Una ricerca condotta all’insegna di forti connotazioni concettuali qualificate da una profonda sacralità. In questo suo percorso, caratterizzato da misteri ed enigma, per penetrare nei quali si richiede un impellente e continuo aggancio di concretezza, la ceramica, consente di apparecchiare gli strumenti per accostarsi al mistero dell’esistenza”. La sua attività artistica personale e collettiva è a tutto campo, anche nella promozione di eventi artistici con l’Associazione Culturale “Magazzini della Lupa” di cui è presidente. Ha partecipato a mostre in spazi pubblici, musei e gallerie d’Arte. Importante la sua partecipazione alla collettiva "La scultura ceramica contemporanea in Italia" a cura di Nino Caruso e Mariastella Margozzi nel 2015 alla GNAM, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Hanno scritto di lei: Luciano Marziano, Giuseppe Salerno, Vincenza Fava, Ilaria Drago, Elena Mariani, Lori-Ann Touchette, Domenico Iaracà.      

Fra le sue esposizioni: 2018 PADOVA - Cattedrale ex Macello "Impronte vegetali" a cura  di Mara Ruzza ROMA - Museo delle Mura Aureliane “Murmures” a cura di Domenico Iaracà - 2017  VULCI - "Il Codice Vulci" nel Parco Archeologico di Vulci, Domuns del Criptoportico e all'ex Convento di San Francesco, Canino - MONTELUPO FIORENTINO - Cappella della Misericordia, installazione "Transitum" per Ceramica 2017 - VITERBO - Palazzo degli Alessandri mostra d'arte contemporanea collettiva "configurazione#1" -  CASTELGANDOLFO - Galleria Spazio Elle “Fuori Porta” collettiva scultura ceramica contemporanea a cura di Domenico Cornacchione  2016 DERUTA - Spazi museali ex fornace Grazia “Keramikos 2016 omaggio a Luciano Marziano” Rassegna Scultura Ceramica Contemporanea organizzata dall’associazione freemocco nell'ambito festeggiamenti S. Caterina; VITERBO - Palazzo degli Alessandri “Keramikos 2016 omaggio a Luciano Marziano” Rassegna Scultura Ceramica Contemporanea a cura di Massimo Luccioli, Massimo Melloni, Mirna Manni, organizzata Ass. Cult. Magazzini della Lupa; BASSANO IN TEVERINA – “Cavum et Via” Rassegna Arte Contemporanea - Ass. Stelle Cadenti e Ass. Cult.Magazzini della Lupa; SUTRI - evento culturale “L'Arco e la lira”- luglio 2016. 2015 ROMA - GALLERIA NAZIONALE D'ARTE MODERNA e CONTEMPORANEA - GNAM collettiva "La scultura ceramica contemporanea in Italia" a cura di Nino Caruso e Mariastella Margozzi | 11 marzo - 7 giugno;  TORGIANO - Museo Arte Ceramica Contemporanea - collettiva "Incontrinterra" a cura dell’associazione freemocco. 2014 TARQUINIA - Museo Archeologico Nazionale - collettiva "Keramikos 2014" Rassegna d'Arte Ceramica Contemporanea con testi e a cura di Luciano Marziano e Ass. Cult. Magazzini della Lupa; DERUTA - Museo Regionale della Ceramica, ex fornace Grazia, collettiva "Incontrinterra" a cura dell’ass. freemocco; ROMA - Villa Pamphili, Casalino Farsetti - collettiva “Tempomateria”; FABRIANO – Nuova Galleria Delle Arti "Declinazione del silenzio" doppia personale di Mirna Manni e Tonina Cecchetti con testi e presentazione di Luciano Marziano e Giorgio Bonomi; VITERBO - ex Chiesa degli Almadiani - collettiva "Il Papa, La Papessa, gli Arcani" presentazione di Luciano Marziano; TUSCANIA - Galleria Il Cavallino – collettiva arte contemporanea a cura di G. Cesetti. 2013 FABRIANO - Pinacoteca Molajoli - collettiva "Seidonnepersei" a cura di Giuseppe Salerno; TUSCANIA - Ex Chiesa S.Croce - collettiva "Seidonnepersei" a cura di G. Salerno; BRACCIANO - Palazzo del Governatore - collettiva "In Contemporanea"; FINLANDIA - TURKU, Galleria Berner collettiva “Hortus conclusus”; TOLFA - Ex Convento dei Cappuccini collettiva “From pottery to plastic”;  CALCATA - Galleria “l’arte è …” collettiva "seidonnepersei"; ROMA - Galleria Monty&Company collettiva “seidonnepersei” a cura di G. Salerno; TUSCANIA - Magazzini della Lupa - collettiva “prevalentemente in bianco e nero” presentazione di Luciano Marziano; ACRI - Palazzo San Severino Sala delle Colonne - collettiva “seidonnepersei” a cura di Giuseppe Salerno; VITERBO - Galleria ItinerarArt Cultura San Pellegrino - collettiva “Concavo Convesso” a cura di Fiorenzo Mascagna; TUSCANIA - Magazzini della Lupa - collettiva “Al femminile” presentazione di Luciano Marziano. 2012 MATERA - Ex Ospedale di San Rocco - collettiva “Sopraffactions Matera” a cura di Giuseppe Salerno; PADOVA - ex Macello “Le Arti della Ceramica” ceramica contemporanea di ricerca, collettiva “Mater, in fuoco” rassegna ceramica d'autore a cura di Mara Ruzza; TUSCANIA - Magazzini della Lupa collettiva “Keramikos 2012 Bracciano,Tuscania, Tarquinia” con testi e presentazione di Luciano Marziano, organizzazione Ass. Cult. Magazzini della Lupa, Artidec, Galleria Entroterra; VITERBO - Sala Gatti Jezzup collettiva “per Filo e per Segno. Arianna e le altre….” a cura della Galleria Artidec; ROMA - Ass. Keramos collettiva “Le Coordinate della Ceramica 41°52'49" N/12°28'25" E”; VITERBO - Palazzo Papale collettiva “Sopraffactions Viterbo” a cura di Giuseppe Salerno; BRACCIANO - Galleria Artidec personale “Anemos” testi di Luciano Marziano e testi di Vincenza Fava; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’artista 2012”. 2011 BASSANO IN TEVERINA - Ass. Stelle Cadenti collettiva “Il ritorno della luce”; GUBBIO - Biblioteca Sperelliana collettiva “Arte di carta”; TUSCANIA - Magazzini della Lupa personale “Anemos” presentazione e testi Luciano Marziano, testi di Vincenza Fava; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’artista 2011”. 2010 TUSCANIA - Magazzini della Lupa collettiva arte contemporanea “Segni, voci, suoni, immagini, storie, alterità” a cura di Ass. Cult. Magazzini della Lupa e Dark Camera; BRACCIANO - galleria Artidec, Chiostro degli Agostiniani - collettiva “Keramikos 2010” a cura della Galleria Artidec; VITERBO - quartiere San Pellegrino, evento culturale “Caffeina 2010” collettiva d’arte contemporanea; VITERBO - ex Chiesa San Salvatore collettiva d’arte contemporanea “Biennale d’Arte Creativa” a cura di Laura Lucibello; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2010”. 2009 BRACCIANO - Galleria Artidec collettiva “Bilong Longwe Arte Oceanica - Arte Contemporanea”; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2009”. 2008 BRACCIANO - Chiostro degli Agostiniani - ProArt collettiva “Bracciano in Arte”; SORIANO NEL CIMINO - Castello degli Orsini - Ass. Stelle Cadenti - collettiva “Stelle cadenti 2008”; ROMA - Chiesa di San Tommaso in Formis - Ospedale dei Trinitari - Rione Celio - Arte contemporanea nei luoghi storici della solidarietà - collettiva “Humanitas et Concordia”; Calcata - Il Granarone “Uovo d’Artista 2008” a cura di Anna Giannandrea; ROMA - Auditorium - collettiva “Nidi d’Artista”. 2007 CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2007”; TUSCANIA - Palazzo M. Maccabei personale “Nature”. 2006 CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2006”. 2005 TUSCANIA - Magazzini della Lupa a cura di Dark Camera - personale Mostra Performance “RareApparizioni.Tracce”. 2004 VARESE - Chiostro di Voltorre - Museo d’Arte Moderna - collettiva ceramica “Arte raku” a cura di Roberto Scazzariello. 2003 RONCO BIELLESE - “Mostra Incontro Arte Raku” Collettiva a cura di Roberto Scazzariello. 2002 ORVIETO - Chiostro di S.Giovanni, collettiva Arte Contemporan

mercoledì 24 gennaio 2018








Gli spazi espositivi del Museo delle Mura Aureliane ospitano 






MURMURES 



a cura di Domenico Iaracà 





ceramica contemporanea, fiber art e fotografia 
di






Silvia Beccaria - Tonina Cecchetti - Silvia Granata 
Mirna Manni - Sabine Pagliarulo - Simona Poncia






Inaugurazione venerdì 23 febbraio ore 17.00





24 febbraio - 8 aprile 2018













MURMURES  Il respiro vitale del linguaggio dell’arte                                                                          
                              
La mostra, a cura di Domenico Iaracà, raccoglie il lavoro di sei artiste per esprimere l’umana necessità di comunicare. Silvia Beccaria, Tonina Cecchetti, Silvia Granata, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, Simona Poncia, si ritrovano in maniera sorprendente intorno ad un progetto il cui oggetto di ricerca è riassunto dal significativo titolo di Murmures, sussurri, mormorii.  Quasi a inseguire e reinterpretare, a millenni di distanza dalla sua formulazione, il concetto aristotelico di virtù, cercano di trovare il punto di equilibrio, un antidoto all’incomunicabilità, sia essa dovuta al rumore eccessivo che ostacola la comunicazione o alla chiusura che, all’opposto, la nega, come ha affermato il curatore, Domenico Iaracà. La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con la collaborazione di Galleria Honos Art di Roma, con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura, è ospitata negli spazi espositivi del Museo delle Mura dal 24 febbraio all’ 8 aprile 2018. Mezzo di condivisione scelto è il linguaggio dell’arte: dalla ceramica alla fotografia e alla fiber art, ciascuna artista, seguendo codici personali, coerenti seppur mai uguali anche all’interno di ogni singola ricerca, dà voce al proprio intimo facendo uso dei mezzi che le risultano più congeniali. Anche le Mura, quasi un ossimoro esse stesse, si presentano come un esempio di silenzio gravido di parole, di vere e proprie storie che narrano i secoli di vita dell’edificio. Le opere in mostra raccolgono la sfida di rappresentare l’immateriale, in particolare il suono significativo, la parola e la comunicazione. Una sfida superata con quei mezzi che solo l’arte ha, ovvero la capacità di rappresentare il non rappresentabile, evocare mondi ed esperienze, come un auspicio per un dialogo sempre più aperto e costruttivo.  





opera di Mirna Manni






opera di Silvia Beccaria






opera di Silvia Granata






opera di Sabine Pagliarulo





opera di Tonina Cecchetti





opera di Simona Poncia



Murmures
Luogo: Museo delle Mura Via di Porta San Sebastiano, 18 - Roma
Apertura al pubblico: 24 febbraio – 8 aprile 2018
Inaugurazione    23 febbraio 2018, ore 17.00
Orario  da martedì a domenica ore 09.00 - 14.00 (ingresso consentito fino alle 13.30)
Ingresso Gratuito  
Promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - 
Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali
Con la collaborazione di Galleria Honos Art  
A cura di Domenico Iaracà
Progetto espositivo: Sabine Pagliarulo
Info Mostra: Tel 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00)        
www.museodellemuraroma.it; www.museiincomune.it
Servizi museali    Zètema Progetto Cultura
SPONSOR SISTEMA MUSEI CIVICI  
Con il contributo tecnico di   Ferrovie dello Stato Italiane
Media Partner    Il Messaggero

Contatto: terreceramiche@libero.it  | Tel+39 3336678631




(ph di Luigi Tizi)




(ph di Luigi Tizi)





(ph di Luigi Tizi)




(ph di Luigi Tizi)



(ph di Benedetto Ferraro)




(ph di Sabine Pagliarulo)




 (ph di Sabine Pagliarulo)



(ph di Sabine Pagliarulo)




(ph di Luigi Tizi)




(ph di Luigi Tizi)



Murmures. Il delicato equilibrio della parola


Testo critico di Domenico Iaracà


In Aristotele la virtù implica la giusta proporzione, che è la via di mezzo fra i due eccessi”

 G. REALE, Storia delle filosofia antica, Milano 1979

Specchio ribaltato di una realtà in cui la comunicazione, pubblica e privata, è sempre più assordante, sei artiste si ritrovano sorprendentemente intorno ad un progetto dal significativo titolo di Murmures, sussurri. Quasi a reinterpretare il concetto aristotelico di virtù, le artiste cercano infatti di trovare il punto di equilibrio, un antidoto all'incomunicabilità, sia essa dovuta al rumore eccessivo che la ostacola o alla chiusura che, all'opposto, la nega. Mezzo di condivisione scelto è il linguaggio dell'arte: seguendo codici personali, coerenti seppur mai uguali anche all'interno di ogni singola ricerca, ciascuna artista dà voce al proprio intimo facendo uso dei mezzi che le risultano più congeniali.  

Le fotografie di Simona Poncia sono momenti di vita quotidiana in cui coppie, affrontate in angoli appartati, ritrovano la loro intimità, o bambini felici colti nei momenti dei giochi, lasciando così al brillare degli occhi l'espressione silenziosa della loro gioia. Immagini che fissano momenti della nostra vita in cui la comunicazione, prima accennata e ricercata con fatica, finalmente raggiunge la sua realizzazione vincendo il frastuono circostante. Proprio a capovolgere le regole della comunicazione gridata che ci circonda, l'artista propone scatti in cui il messaggio è tanto più significativo perché privo del suono a cui siamo portati ad associarlo in maniera esclusiva Ed il colore stesso sembra partecipare alla costruzione di questo percorso: in contrapposizione alla ricca tavolozza presente in natura, le foto si concentrano su un numero ristretto di colori, talvolta il solo bianco e nero o, al massimo, pochi altri tocchi. 

I Sedimenti s’incavano nel corpo sensibile di Mirna Manni sono figure di cui riusciamo a cogliere il vissuto. Ogni singola esperienza è infatti tale da lasciare traccia in ciascuno di noi e sono questi vissuti, e le relative sedimentazioni, a formarci così come siamo e dare un senso, talvolta diverso, alle parole che utilizziamo. Specchio della differenza dei vissuti, queste sculture finiscono per esserlo pure del linguaggio che noi tutti crediamo di condividere.  Ma l’Arte punta all’universalità del messaggio e Corporeitas incarna ciò che l’artista definisce “la disperazione di una realtà che è della nostra epoca e che stravolge valori, tratti distintivi dell’essere e dell’umanità intera”; due busti ripiegati su se stessi, su colonne instabili, metafore della condizione umana, dalle superfici tormentate ed erose. Altrettanto evocativo è poi Cosmi di attesa, grandi forme che materializzano quasi la riflessione che precede l'azione del parlare. La loro forma sembra a prima vista destinata a un pecorso chiuso se non fosse per l'apice che, formalmente e idealmente, risolve la composizione.   
Un apice nei bozzoli di Mirna Manni, un’apertura che è quasi una frattura, nei lavori di Sabine Pagliarulo: le pulsazioni vitali presenti all'interno trovano una via verso l’esterno, una vita che nasce, una parola che acquista significato. I pezzi lasciano trasparire i colori naturali delle terre quasi a limitare l’intervento dell’artista al solo gesto di ricostruire il ruolo della Natura: dall'azione in potenza al compimento, le opere in mostra rappresentano un intero percorso affidato alla metafora del ciclo vitale di forme organiche. Poco importa che si tratti di elementi vegetali o animali, evidente è il dischiudersi del guscio, difesa dell’essere, e il suo aprirsi alla vita: pulsazioni interne rompono e quasi irrompono verso l'esterno; i gusci frammentati sono prova di un'azione ormai conclusa, messaggi silenziosi di un lungo lavorio. In Tout le mots pour le dire i singoli elementi in ceramica sono invece portatori di un messaggio ciascuno. Plasmati con il materiale che avanza al fine della realizzazione di opere diverse della non breve ricerca dell'artista, sono necessariamente composti da terre diverse. Foglie - o fogli? - accartocciate, ciascuno di esse è prova della difficoltà del comunicare, minute che restano sul tavolo al termine della stesura di un testo, non casuale, in cui si scrive e si riscrive, si corregge e si cerca la parola più adatta, si lavora e si riparte di nuovo cercando, appunto, tutte le parole per dirlo.

Con codici del tutto personali, Silvia Beccaria fa invece uso della tessitura per predisporre arazzi di una inconsueta leggerezza. Per la prima volta nel percorso delle artiste in mostra, la parola e il tessere testi assumono qui una sfumatura negativa, quasi di condanna a cui l'Uomo è sottoposto per aver osato sfidare la divinità, ovvero nella presa di coscienza della difficoltà, della fatica dell’atto di comunicare accostata alla fatica del tessere. In una operazione che amplifica esponenzialmente il meccanismo insito nel parlare, nella ricerca dell'artista la lingua letteraria ha un ruolo centrale. La tessitura interpreta il lavoro di pianificazione del testo e, per di più, brani letterari che trattano del parlare, in un gioco di scatole cinesi in cui il modo di esprimersi  è un continuo lavoro di lima ad opera dello scrittore.   

Questo aspetto lo avvicina al lavoro di Silvia Granata in cui il paziente lavoro di lima, in ogni  singolo elemento, è filo conduttore delle sue installazioni. In una ricerca in cui è assente la figura umana, la comunicazione avviene con un mezzo differente: 23 è un'installazione composta da più elementi di porcellana colorata in pasta e dalla superficie sfaccettata. Difficilmente definibile ad una prima lettura, il titolo costituisce un tentativo di definizione arrivando a quantificare il peso in grammi di ogni elemento. Ma per quanto simili fra di loro, gli elementi rimandano ad un numero primo, indivisibile, quasi una dichiarazione di individualità. In ogni fase della ricerca dell’artista tratto distintivo è la presenza costante di una pluralità di elementi in relazione fra loro. Sta nel rapporto alla pari tra materiali diversi, nella maggiore o minore distanza sui supporti la chiave di lettura di queste opere in cui, paradossalmente, il messaggio non riposa in quanto creato dall'artista ma semmai è rispecchiato dallo spazio vuoto: sono le maggiori o minori distanze tra le persone, l'equilibrio tra ciascun individuo della collettività, le dinamiche relazionali che intercorrono all’interno di queste.  

E poi Tonina Cecchetti in cui il tema della comunicazione è anche il fil rouge per una scelta di opere che ne illustrano la gradazione, dalla sospensione del silenzio fino ai messaggi più forti, ad esempio quelli che pur senza parole collegano una madre al bambino. Figure umane o le loro parti essenziali, in una realizzazione a tratti straniante in cui il corpo umano è di volta in volta privato di alcune membra, anche quelle fondamentali quali il capo. Lo splendore dell'oro o il bianco, il colore riservato alla purezza nella cultura dalle radici giudaico-cristiane, un insieme di codici culturalmente connotati o, all'opposto, universalmente condivisi come quello di un abbraccio, in una scultura che, solo perché gode dei privilegi dei codici dell'arte, riesce a rendere il gesto e amplificarne la portata in una figura inaspettatamente priva di braccia. 

Lo spazio scelto non è casuale: quasi un ossimoro esso stesso. Il monumento si presenta come un esempio di silenzio gravido di parole o vere e proprie storie che narrano i secoli di vita dell'edificio. Sembra impersonare l'attitudine al sussurrare ritratta dalle artiste: al margine di una grande città caotica fin dall'antichità, tra il fragore della sua vita e il silenzio riposante del Parco della via Appia antica, le Mura sono tacito testimone della caducità degli imperi e del nostalgico tentativo di restaurarli, di una lingua e una cultura che, seppur con l’uso delle armi, aveva unito molti territori. E non è quindi un caso se il termine francese murmures trova nel  latino murmures un perfetto omografo.

                                                                                                                                   Domenico Iaracà



http://www.adnkronos.com/cultura/2018/02/27/murmures-museo-delle-mura-collettiva-sei-artiste_nqlf7a7fOQJw84HnI9kNKI.html


https://issuu.com/sabinepagliarulo/docs/murmures_-_contemporary_art_catalog