domenica 18 novembre 2018



KERAMIKOS 2018

Percorsi attuali sulla scia di quattro omaggi storici

a cura di Lorenzo Fiorucci








Il progetto espositivo messo a punto dallo storico e critico d’arte Fiorucci propone un duplice percorso di indagine nel territorio della scultura fittile contemporanea. 
La Sezione Omaggio è dedicata alla produzione in ceramica di quattro maestri del Novecento: Giacinto Cerone, Giuseppe Pirozzi, Amilcare Rambelli e Franco Summa.
La Sezione Contemporanea presenta invece una selezione di alcune tra le più interessanti espressioni del pensiero creativo in ceramica dei nostri giorni, artisti che hanno intrapreso percorsi autonomi di ricerca, ma i cui linguaggi e modi operativi stabiliscono un rapporto dialettico con le esperienze artistiche dei protagonisti della sezione storica. Si tratta di Rosana Antonelli, Luca Baldelli, Tonina Cecchetti, Giorgio Centovalli, Eraldo Chiucchiù, Giorgio Crisafi, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Caterina Lai, Massimo Luccioli, Mirna Manni, Riccardo Monachesi, Sabine Pagliarulo, Angela Palmarelli, Marta Palmieri, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Alfonso Talotta e Antonio Taschini.

La mostra, proposta da Massimo Melloni (Artidec) e Mirna Manni (associazione culturale Magazzini della Lupa), si avvale del Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio, della Provincia e del Comune di Viterbo e della Fondazione Carivit.

L’organizzazione della mostra è a cura dell’Associazione Culturale Magazzini della Lupa, Media-partner To Arch Magazine.
Dal 6 ottobre al 4 novembre 2018 al Centro Culturale di Valle Faul, Viterbo




ph Paolo Emilio Sfriso


ex Macello - Centro Culturale di Valle Faul





°°°°°°°





INAUGURAZIONE DELLA RASSEGNA





Mirna Manni, Giuseppe Pirozzi, Lorenzo Fiorucci, Massimo Melloni







°°°°°°°






MIRNA MANNI 

PER 

KERAMIKOS 2018

a cura di Lorenzo Fiorucci








Forms and roots, 2018
terra refrattaria, ingobbio, smalto,
bitume, legno dipinto, filo di ferro






ph Sabine Pagliarulo



Forms and roots, 2018
terra refrattaria, ingobbio, smalto,
bitume, legno dipinto, filo di ferro




ph Paolo Emilio Sfriso



Forms and roots, 2018
terra refrattaria, ingobbio, smalto,
bitume, legno dipinto, filo di ferro






Forms and roots, 2018
terra refrattaria, ingobbio, smalto,
bitume, legno dipinto, filo di ferro







Forms and roots, 2018
terra refrattaria, ingobbio, smalto,
bitume, legno dipinto, filo di ferro













°°°°°°°°

martedì 15 maggio 2018


IMPRONTE VEGETALI

arte ceramica contemporanea

a cura di Mara Ruzza


con Annalia Amedeo, il gruppo BAUM, Fabio Ciancaglini, 
Carla Collesei, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Silvia Granata, 
Giovanni Maffucci, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, 
Marco Maria Polloniato, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Vittore Tasca


Cattedrale ex Macello, via Cornaro 1, Padova

dal 2 giugno al 1 luglio 2018







opere di Mirna Manni 

























Ph Evandro Gabrieli 











Ph Sabine Pagliarulo


Ph Sabine Pagliarulo



Ph Evandro Gabrieli 








Ph Sabine Pagliarulo












Ph Evandro Gabrieli














L'arte ceramica contemporanea ritorna con la forza dirompente della natura, alla Cattedrale ex Macello di Padova, inaugurando venerdì 1 giugno alle ore 18:30, una nuova grande esposizione che si fa giardino urbano dal 2 giugno al 1 luglio.

Promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, l'esposizione, curata da Mara Ruzza, presenta opere di maestri ceramisti contemporanei che, in una fascinosa impollinazione di suggestioni e tecniche, propongono una riflessione originale sul tema del rapporto tra contesto urbano e Natura che si impone e prorompe riappropriandosi di spazi, angoli, ambienti, fessure, a formare un "giardino urbano" anarchico e vitale, sorprendente e inarrestabile. 

Impronte, orme, resilienze, la Natura lascia il segno, dimenticata si ripropone, avvilita rompe le barriere dei muri chiusi, dilaga, ricolonizza la terra antropizzata, vive. L'esposizione trasporta i visitatori nella magica atmosfera di un paesaggio scultoreo ricco di diversità e spunti di riflessione, induce a “vedere un mondo in un granello di sabbia e un paradiso in un fiore selvatico, tenere l'infinito nel cavo della mano e l'eternità in un'ora” (W. Blake). 

Annalia Amedeo, il gruppo BAUM, Fabio Ciancaglini, Carla Collesei, Carla Francucci, Evandro Gabrieli, Silvia Granata, Giovanni Maffucci, Mirna Manni, Sabine Pagliarulo, Marco Maria Polloniato, Attilio Quintili, Mara Ruzza, Vittore Tasca. 

Quindici artisti provenienti da regioni diverse, riconosciuti maestri della scultura ceramica nazionale ed internazionale, coinvolti con sculture e installazioni “site specific” contribuiscono a far meditare, ciascuno con il proprio stile, con la propria peculiarità espressiva, intorno a questo singolare rapporto tra natura e contemporaneità. 

Nella suggestiva sala espositiva dell'ex Macello, luogo ideale per ospitare una mostra di arte ceramica d'autore di così ampio respiro, si potranno ammirare l'eleganza di effimeri giardini di porcellana, la singolarità di giardini di pietra, di giardini spirituali e di giardini verticali, la forza vitale di bulbi e semi, la incredibile colonizzazione di concrezioni su telaio d'auto dismessa, la classicità delle teste arcaiche di Core e Demetra, l'antica tecnica del kintsugi, la ceramica primitiva.

Ricerche e sperimentazioni ad alto livello tecnico creano un percorso suggestivo con terre sigillate, bucchero, affumicature, estrusioni e intarsi, smalti, impronte a fuoco, esplosioni fiorite, forme organiche vegetali, rizomi a lustro. Terre raffinate e fragili porcellane che dialogano con elementi naturali, ferro, cemento, spago, resina, residui di plastica, allestendo paesaggi, lavori originali, poetici ed evocativi.

Info:
Apertura esposizione: 2 giugno – 1 luglio 2018

Orari: martedì – venerdì ore 17:00-21:00
sabato e domenica ore 10:00-13:00/17:00-22:00

lunedì chiuso

Ingresso libero.

https://www.facebook.com/LeArtiDelFuoco/

Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche
paganinl@comune.padova.it padovacultura.it

venerdì 4 maggio 2018




Mirna Manni 




opere

































(ph Sabine Pagliarulo)



(ph Sabine Pagliarulo)
















































































Mirna Manni 

biografia



Artist/Sculptor nella sua individuale ricerca artistica, elegge l’argilla la materia più a lei affine e approfondisce tecniche e procedure della ceramica. Con il suo lavoro tende ad una ricerca di pluralità di forme e sperimentazione della materia per affermare un dialogo tra procedimenti creativi, immaginario, archetipi e contemporaneità. Le sue sculture rivelano percorsi concretati nella materia anche con suggestive installazioni, che assumono connotazioni espressive dalle forti sollecitazioni meditative. Facendo dialogare le sue creazioni intrise di poesia e portando in quell’universo parvenze ed immagini dell’anima, racconta di pensieri intimi e universali, degli uomini e della vita, e come scrive Ilaria Drago “è lì nell’incanto delle sue sculture che Mirna Manni addensa e racchiude tutti i suoi canti”. Luciano Marziano scrive “Credo di poter individuare la sostanza dell’orizzonte operativo di Mirna in una sollecitazione esistenziale, con ogni conseguente problematicità, che da sempre informa la sua ricerca artistica. Una ricerca condotta all’insegna di forti connotazioni concettuali qualificate da una profonda sacralità. In questo suo percorso, caratterizzato da misteri ed enigma, per penetrare nei quali si richiede un impellente e continuo aggancio di concretezza, la ceramica, consente di apparecchiare gli strumenti per accostarsi al mistero dell’esistenza”. La sua attività artistica personale e collettiva è a tutto campo, anche nella promozione di eventi artistici con l’Associazione Culturale “Magazzini della Lupa” di cui è presidente. Ha partecipato a mostre in spazi pubblici, musei e gallerie d’Arte. Importante la sua partecipazione alla collettiva "La scultura ceramica contemporanea in Italia" a cura di Nino Caruso e Mariastella Margozzi nel 2015 alla GNAM, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Hanno scritto di lei: Luciano Marziano, Giuseppe Salerno, Vincenza Fava, Ilaria Drago, Elena Mariani, Lori-Ann Touchette, Domenico Iaracà.      

Fra le sue esposizioni: 2018 PADOVA - Cattedrale ex Macello "Impronte vegetali" a cura  di Mara Ruzza ROMA - Museo delle Mura Aureliane “Murmures” a cura di Domenico Iaracà - 2017  VULCI - "Il Codice Vulci" nel Parco Archeologico di Vulci, Domuns del Criptoportico e all'ex Convento di San Francesco, Canino - MONTELUPO FIORENTINO - Cappella della Misericordia, installazione "Transitum" per Ceramica 2017 - VITERBO - Palazzo degli Alessandri mostra d'arte contemporanea collettiva "configurazione#1" -  CASTELGANDOLFO - Galleria Spazio Elle “Fuori Porta” collettiva scultura ceramica contemporanea a cura di Domenico Cornacchione  2016 DERUTA - Spazi museali ex fornace Grazia “Keramikos 2016 omaggio a Luciano Marziano” Rassegna Scultura Ceramica Contemporanea organizzata dall’associazione freemocco nell'ambito festeggiamenti S. Caterina; VITERBO - Palazzo degli Alessandri “Keramikos 2016 omaggio a Luciano Marziano” Rassegna Scultura Ceramica Contemporanea a cura di Massimo Luccioli, Massimo Melloni, Mirna Manni, organizzata Ass. Cult. Magazzini della Lupa; BASSANO IN TEVERINA – “Cavum et Via” Rassegna Arte Contemporanea - Ass. Stelle Cadenti e Ass. Cult.Magazzini della Lupa; SUTRI - evento culturale “L'Arco e la lira”- luglio 2016. 2015 ROMA - GALLERIA NAZIONALE D'ARTE MODERNA e CONTEMPORANEA - GNAM collettiva "La scultura ceramica contemporanea in Italia" a cura di Nino Caruso e Mariastella Margozzi | 11 marzo - 7 giugno;  TORGIANO - Museo Arte Ceramica Contemporanea - collettiva "Incontrinterra" a cura dell’associazione freemocco. 2014 TARQUINIA - Museo Archeologico Nazionale - collettiva "Keramikos 2014" Rassegna d'Arte Ceramica Contemporanea con testi e a cura di Luciano Marziano e Ass. Cult. Magazzini della Lupa; DERUTA - Museo Regionale della Ceramica, ex fornace Grazia, collettiva "Incontrinterra" a cura dell’ass. freemocco; ROMA - Villa Pamphili, Casalino Farsetti - collettiva “Tempomateria”; FABRIANO – Nuova Galleria Delle Arti "Declinazione del silenzio" doppia personale di Mirna Manni e Tonina Cecchetti con testi e presentazione di Luciano Marziano e Giorgio Bonomi; VITERBO - ex Chiesa degli Almadiani - collettiva "Il Papa, La Papessa, gli Arcani" presentazione di Luciano Marziano; TUSCANIA - Galleria Il Cavallino – collettiva arte contemporanea a cura di G. Cesetti. 2013 FABRIANO - Pinacoteca Molajoli - collettiva "Seidonnepersei" a cura di Giuseppe Salerno; TUSCANIA - Ex Chiesa S.Croce - collettiva "Seidonnepersei" a cura di G. Salerno; BRACCIANO - Palazzo del Governatore - collettiva "In Contemporanea"; FINLANDIA - TURKU, Galleria Berner collettiva “Hortus conclusus”; TOLFA - Ex Convento dei Cappuccini collettiva “From pottery to plastic”;  CALCATA - Galleria “l’arte è …” collettiva "seidonnepersei"; ROMA - Galleria Monty&Company collettiva “seidonnepersei” a cura di G. Salerno; TUSCANIA - Magazzini della Lupa - collettiva “prevalentemente in bianco e nero” presentazione di Luciano Marziano; ACRI - Palazzo San Severino Sala delle Colonne - collettiva “seidonnepersei” a cura di Giuseppe Salerno; VITERBO - Galleria ItinerarArt Cultura San Pellegrino - collettiva “Concavo Convesso” a cura di Fiorenzo Mascagna; TUSCANIA - Magazzini della Lupa - collettiva “Al femminile” presentazione di Luciano Marziano. 2012 MATERA - Ex Ospedale di San Rocco - collettiva “Sopraffactions Matera” a cura di Giuseppe Salerno; PADOVA - ex Macello “Le Arti della Ceramica” ceramica contemporanea di ricerca, collettiva “Mater, in fuoco” rassegna ceramica d'autore a cura di Mara Ruzza; TUSCANIA - Magazzini della Lupa collettiva “Keramikos 2012 Bracciano,Tuscania, Tarquinia” con testi e presentazione di Luciano Marziano, organizzazione Ass. Cult. Magazzini della Lupa, Artidec, Galleria Entroterra; VITERBO - Sala Gatti Jezzup collettiva “per Filo e per Segno. Arianna e le altre….” a cura della Galleria Artidec; ROMA - Ass. Keramos collettiva “Le Coordinate della Ceramica 41°52'49" N/12°28'25" E”; VITERBO - Palazzo Papale collettiva “Sopraffactions Viterbo” a cura di Giuseppe Salerno; BRACCIANO - Galleria Artidec personale “Anemos” testi di Luciano Marziano e testi di Vincenza Fava; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’artista 2012”. 2011 BASSANO IN TEVERINA - Ass. Stelle Cadenti collettiva “Il ritorno della luce”; GUBBIO - Biblioteca Sperelliana collettiva “Arte di carta”; TUSCANIA - Magazzini della Lupa personale “Anemos” presentazione e testi Luciano Marziano, testi di Vincenza Fava; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’artista 2011”. 2010 TUSCANIA - Magazzini della Lupa collettiva arte contemporanea “Segni, voci, suoni, immagini, storie, alterità” a cura di Ass. Cult. Magazzini della Lupa e Dark Camera; BRACCIANO - galleria Artidec, Chiostro degli Agostiniani - collettiva “Keramikos 2010” a cura della Galleria Artidec; VITERBO - quartiere San Pellegrino, evento culturale “Caffeina 2010” collettiva d’arte contemporanea; VITERBO - ex Chiesa San Salvatore collettiva d’arte contemporanea “Biennale d’Arte Creativa” a cura di Laura Lucibello; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2010”. 2009 BRACCIANO - Galleria Artidec collettiva “Bilong Longwe Arte Oceanica - Arte Contemporanea”; CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2009”. 2008 BRACCIANO - Chiostro degli Agostiniani - ProArt collettiva “Bracciano in Arte”; SORIANO NEL CIMINO - Castello degli Orsini - Ass. Stelle Cadenti - collettiva “Stelle cadenti 2008”; ROMA - Chiesa di San Tommaso in Formis - Ospedale dei Trinitari - Rione Celio - Arte contemporanea nei luoghi storici della solidarietà - collettiva “Humanitas et Concordia”; Calcata - Il Granarone “Uovo d’Artista 2008” a cura di Anna Giannandrea; ROMA - Auditorium - collettiva “Nidi d’Artista”. 2007 CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2007”; TUSCANIA - Palazzo M. Maccabei personale “Nature”. 2006 CALCATA - Il Granarone collettiva “Uovo d’Artista 2006”. 2005 TUSCANIA - Magazzini della Lupa a cura di Dark Camera - personale Mostra Performance “RareApparizioni.Tracce”. 2004 VARESE - Chiostro di Voltorre - Museo d’Arte Moderna - collettiva ceramica “Arte raku” a cura di Roberto Scazzariello. 2003 RONCO BIELLESE - “Mostra Incontro Arte Raku” Collettiva a cura di Roberto Scazzariello. 2002 ORVIETO - Chiostro di S.Giovanni, collettiva Arte Contemporan